Keep the rave going… anche io

Cafaggiolo o Aprilia? Aprilia o Cafaggiolo? Quale è stato il primo rave italiano? Non c’è una verità condivisa e forse mai ci sarà. Anche se la maggioranza propende per il The Rose Rave, fatto sta che se ne discute ancora, a oltre 15 anni dalle notti dei tempi, su radiocentrosuono. Questa notte, 7 aprile 2007, in diretta dalla black station in town.

Colors. Colors. Colors. Colors.

This is the new supersound of ….Sono le 22.30 e come all’improvviso Il colore della notte diventa sempre più black. In un attimo siamo catapultati indietro nel passato, ognuno col suo viaggio, ognuno diverso, ma tutti con identica destinazione: Rave Party.

Chi in macchina, chi nella cameretta, il sabato notte è centrosuonorave sulle mitiche frequenze dei 101.3. La voce è quella unica di luca cucchetti, aka l’Ombrellaro, ieri come oggi.
Si, proprio questa notte. 15 anni dopo, e oltre. Fuck you up.

Io sono qui, sono solo, ma in collegamento telepatico con altri migliaia di old raver sparsi per Roma e oltre. Siamo i fedelissimi, siamo quelli del suonodiroma, quelli che ricordano per non dimenticare e che sembrano anche un po’ dei patetici nostalgici, ma che in fondo hanno vissuto e in certi casi scritto la storia della techno. Di roma. E cari coglincelli, di quello che ne consegue.

Noi sappiamo sempre tutto, non ci sfugge nella, ma questa volta ci hanno preso un po’ di sorpresa. Di questa puntata speciale lo abbiamo saputo solo pochi giorni fa, ma chi in un modo e chi in un altro, siamo lo stesso tutti qui, pronti, con il dito su un mouse o su un tasto, ancora una volta READY TO REC.

“Registrare”, è la prima regola di vita del vero raver anni 90.
Registrare, e condividere. La seconda.
Cassette, flyer, ritagli di giornale, emozioni, soprattutto il musicone, il musicone che ci rende tutti fratelli.

Così lo chiamavano i ragazzi del cavallino bianco di Lavinio, tra i primi a vivere sia cafaggiolo che aprilia. ( mi domando perché la provincia e la borgata…arrivano sempre per primi? Proud to be Borgataro)

Insomma…È chiaro, oggi più che mai, che è la consapevolezza di vivere e aver vissuto la storia che ti porta a cercare di salvarne delle testimonianze.

Chi non ha vissuto la Storia. Che cazzo deve ricordare? Fuffa.

Storia. Si, perché di storia si tratta. Storia dei rave, della techno romana, di roma seconda solo a londra e con il vuoto alle spalle. Sono gli anni 90, la rivoluzione musicale e giovanile è appena cominciata. Io sono qui e che culo: ho 18 anni.

Vado indietro e torno ad oggi. È un’altalena. Questa notte non c’è differenza tra passato e presente, io li sto vivendo entrambi.

Il segnale è disturbato come sempre, ma IL cucchettone si sente bene. Cosa sta dicendo ora…? Non ci credo…dio in persona….blake baxter degli UR…si è rifiutato di suonare dopo lui e lory d al rave di monterotondo…non ci credo..ma chi eravamo!

James brooooown..is death. È ieri, no è oggi.

Scatta subito il primo sms a walter…”cominciamo così. Me sto a sentì male.”
È si, oggi ci sono gli sms. Prima, solo la memoria.

E ora? Cosa dicono? era la festa di compleanno di Ghispo, nella casa di massimone imbastari, uno dei MAXORG. Una festa di compleanno in villa con piscina a campo di carne si…che si trasformò in un bandana party di 3 giorni. La polizia il terzo giorno arrivò, dopo aver aspettato otto ore per passare visto che le macchine occupavano tutta la strada. Questa è storia.

E da qui in poi fu rave.

Cristo. Ha messo su cj bolland. Sembra un disco di oggi, anzi 10 volte meglio. Senti che musica.
Fatta con campionatori da 4 mega di ram e computer da 10.
Che storia. Me sta a risali la pezza 15 anni dopo. È il testo del secondo sms che parte dritto verso la diretta.

Ma che fanno de meglio oggi co i GIGA?
Cosa è cambiato tra ieri e oggi, è la domanda ricorrente a tutti i personaggi intervistati, e chicco furlotti risponde: una cosa è divertirsi una cosa è anestetizzarsi. Prima ci divertivamo. È stupendo, dopo mezz’ora che parla e dice tutto quello che pensa, domanda a cucchetti: non so se tu mi stai mandando in diretta, (si) a bene…a me comunque per chiudere sentimme 70 o 80 mila watt me piace ancora, se non lo facevamo noi chi lo faceva?

Organizzamo un bel revival tutti insieme, magari per beneficenza.

Oddio. Me scoppia il cuore. Chi te manna Chicco? Ce stai a fa veni un colpo. E mo sta frase ci entra nei cervelli e comincia a costruì tendoni da circo, muri de casse, e idee malsane.

Proprio Come questa.

C E N T R O S U O N O R A VE.
Keeep the rave goooooooooooooooing.

Ciao ravers.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *